Warning: mysqli_num_fields() expects parameter 1 to be mysqli_result, boolean given in /web/htdocs/www.fondazioneisal.it/home/wp-includes/wp-db.php on line 3351
Al via la Scuola di Alta Formazione “Giovanni Leonardis” dedicata al Governo Clinico della Terapia con farmaci oppioidi e cannabinoidi - Fondazione ISAL

Al via la Scuola di Alta Formazione “Giovanni Leonardis” dedicata al Governo Clinico della Terapia con farmaci oppioidi e cannabinoidi

 

Al via la Scuola di Alta Formazione “Giovanni Leonardis” dedicata al Governo Clinico della Terapia con farmaci oppioidi e cannabinoidi 

 

Una testimonianza fondamentale del grande interesse civico che esiste verso il tema della cura del dolore cronico e una sincera presa di coscienza su tutto quanto c’è ancora da fare per attuare completamente la Legge 38/2010, al fine di garantire dignità e diritti al paziente. Questi gli elementi della cerimonia di presentazione a Sulmona, sabato 30 maggio, della nuova Scuola Europea di Alta Formazione in Terapia del Dolore intitolata a “Giovanni Leonardis” – già docente di Anestesia e Rianimazione prima all’Università de L’Aquila e quindi a quella di Roma Tor Vergata.

Più di duecento persone nella gremita Sala conferenze del Parco Nazionale della Majella, presso l’Abbazia di Santo Spirito al Morrone a Sulmona, e tante altre in piedi, di fronte al tavolo dei relatori: dai rappresentati della Fondazione ISAL che hanno organizzato l’evento – il presidente William Raffaeli e il vicepresidente Gianvincenzo D’Andrea – al manager e finanziatore della Scuola, Alberto Leonardis, profondamente commosso al ricordo del padre. E ancora le autorità: sindaci e amministratori (come Giuseppe Ranalli, primo cittadino di Sulmona e Antonio De Crescentis, presidente della Provincia de L’Aquila), il Vescovo di Valva e Sulmona Angelo Spina, che ha portato un amorevole abbraccio al profondo tema della sofferenza. Molto apprezzata l’adesione del mondo parlamentare rappresentato dalle on. li Maria Amato e  Vittoria D’Incecco  e dalle senatrici Paola Pelino e Stefania Pezzopane. Ciascuna di loro ha contribuito con un analisi precisa e dettagliata sullo stato della Nazione nella cura del dolore, ribadendo il proprio impegno per una completa attuazione della Legge 38/2010 e per sostenere l’attività della Fondazione ISAL nei suoi progetti che prevedono quale mission ideale, presentata da ISAL  nel 1998,  la costruzione del “I Polo di Eccellenza Europeo per la Cura e Ricerca sul Dolore (ERCD)” che potrà dare una speranza di cura ai milioni di persone che vivono senza poter trovare alcuna cura nel mondo; il secondo tema è quello relativo alla conferenza e riguarda proprio l’avvio  della Scuola  di Alta Formazione “Giovanni Leonardis”,  finalizzata a far divenire i medici italiani i più competenti nella gestione clinica dei farmaci della categoria oppioide e cannabinoide. La Scuola, in particolare, è un lungimirante sguardo al futuro ma con profonde e coscienti radici nell’attualità:  avrà infatti il compito di aiutare la crescita di una nuova classe dirigente medica, esperta nella gestione dei farmaci oppioidi e cannabinoidi su cui ancora oggi sussistono troppe incertezze procedurali e gestionali, a causa del caos normativo e della frammentazione culturale su queste tipologie di farmaci. La scommessa è stata lanciata. Sta ora alla classe politica e ai dirigenti amministrativi regionali raccoglierla e vincerla. Non solo come obiettivo personale ma come dovere morale e civico verso la dignità dei pazienti. «La Scuola Europea di Alta Formazione in Terapia del Dolore – dichiara il vicepresidente ISAL D’Andrea – può rappresentare un punto di svolta per la piena attuazione della Legge 38/2010. Il diritto del cittadino ad una corretta terapia del dolore – spiega – si fonda su una conoscenza approfondita, e diffusa in tutta la classe medica, di un problema complesso quale è il dolore cronico. Questo obiettivo – conclude il medico – è certamente ambizioso, ma non per questo irraggiungibile; è alla base della decisione di dare vita a una struttura formativa di eccellenza con l’avvio dei primi corsi già nel prossimo autunno».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.