Non abbassiamo la guardia, la lotta al Covid non è finita

Dopo circa due mesi di confinamento resosi necessario per ridurre l’entità  dell’epidemia da COVID 19 (che in alcune aree del Paese ha rischiato avere conseguenze ancor più  tragiche di quelle registrate) è possibile tracciare un primo bilancio. Innanzitutto sappiamo qualcosa in più  del virus responsabile e delle modalità con cui si sviluppa l’infezione nei casi più  gravi, ma non conosciamo le ragioni per le quali in alcuni individui (la stragrande maggioranza) la malattia abbia un decorso sintomatologico simile al raffreddore o addirittura senza sintomi (gli “asintomatici”) ed in altri, invece, procuri serissimi danni (ai polmoni ed altri organi ed apparati) che rendono necessario il ricorso alla terapia intensiva salvavita.Rispetto alla fase iniziale, quando diversi ospedali della Lombardia, del Veneto e dell’Emilia Romagna hanno rischiato il tracollo a seguito del massiccio afflusso di malati, oggi l’esperienza della cura ha permesso ai medici di individuare un protocollo per l’uso mirato, nelle diverse fasi dell’infezione, di alcuni farmaci potenzialmente capaci di ridurne la gravità e la durata.
Ma ad oggi non abbiamo farmaci specificamente attivi contro il COVID 19 e per l’eventuale vaccino bisognerà  attendere (se tutto va bene!) non meno di 12/18 mesi.
Allora bisogna ricordare bene che il motivo della progressiva riduzione del numero dei morti e dei malati di COVID 19 non è stata determinata dalla progressiva esperienza e competenza di cura del personale sanitario (cui dovrà essere testimoniata anche in seguito la riconoscenza per il loro fondamentale impegno nello scongiurare la catastrofe) ma dalla  applicazione delle drastiche misure di confinamento e distanziamento interpersonale stabilite da Governo su suggerimento della comunità  scientifica. Da oggi queste misure subiranno un primo allentamento.
RICORDIAMOCI, PERÒ, CHE NON È FINITA!
È assolutamente necessario continuare ad indossare la maschera facciale, a mantenere la distanza di sicurezza e ad evitare gli assembramenti.
Tutto ciò che è  successo finora NON È  STATO UNO SCHERZO e con il COVID 19 NON CONVIENE SCHERZARE!
Da oggi tocca a noi dimostrare che siamo cittadini responsabili che rispettano le regole e che le fanno rispettare agli incoscienti ed agli irresponsabili.
Ricordiamoci e ricordiamo anche agli altri che un PAZIENTE ASINTOMATICO IN ASSENZA DI PROTEZIONE PUÒ  INFETTARE PIÙ DI 100 PERSONE E CHE NON CI VUOLE NULLA A FAR RIESPLODERE L’EPIDEMIA CHE È ANCORA IN CORSO!
Ed ognuno di noi può essere un paziente asintomatico.
Se vogliamo salvarci da una seconda ondata epidemica (che sarebbe una strage) dobbiamo essere diligenti e pazienti.
DA OGGI NON RICOMINCIA LA VITA  DI PRIMA!
Per quella, che non sarà sicuramente la stessa, ci vorrà tempo.
Da oggi prosegue,semplicemente in modo più  responsabile, il nostro impegno di cittadini per contribuire a ridurre i danni  sanitari, sociali ed economici prodotti dal COVID 19

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.