Anche Lugo citta’ contro il dolore

Il dolore è spesso sottovalutato o trattato poco e male, è bene che i cittadini sappiano come curarlo e a chi rivolgersi”.  Lo dice il terapista del dolore Virgilio Ricci, presidente del comitato scientifico dell’associazione Penso (Per non soffrire) di Lugo e fino al 30 giugno di questo anno primario della Unità operativa di terapia del dolore dell’ospedale del comune ravennate.

Proprio per informare sulle terapie disponibili e sui centri specialistici presenti sul territorio, l’associazione rilancia il messaggio della Giornata internazionale Cento città contro il dolore promossa dall’ISAL, organizzando sabato 16 novembre un’iniziativa di sensibilizzazione e raccolta fondi presso il centro commerciale Globo di Lugo (via Foro Boario 30).

L’associazione è nata tre anni fa dalla volontà del dottor Ricci di andare incontro ai bisogni di cura e di assistenza delle persone con sofferenza fisica e morale” dice la presidente Mariagiovanna Ranieri, che da cinquant’anni è un po’ il motore del volontariato lughese. “Tra direttivo, comitato scientifico formato da medici di Ravenna e Lugo e volontari siamo una cinquantina di persone, ma per le nostre iniziative spesso ci aiutano anche i ragazzi di altre associazioni”.

L’associazione Penso è impegnata nell’assistenza volontaria e gratuita alle persone con malattie croniche e invalidanti. L’obiettivo? Portare solidarietà e migliorare la qualità di vita di chi soffre. “Prestiamo assistenza domiciliare e operiamo in strutture sanitarie pubbliche e private della zona – continua Mariagiovanna Ranieri –. Organizziamo corsi per formare i volontari e incontri nelle scuole e abbiamo anche stipulato una convenzione con l’Asp dei Comuni della bassa Romagna, che ha consentito agli studenti dell’indirizzo sanitario dell’istituto Stoppa di Lugo di fare esperienza in una residenza protetta e in una casa di riposo per anziani”.

Il rapporto tra l’associazione Penso e la Fondazione ISAL è nato dall’amicizia e dalla stima professionale tra il dottor Ricci e il professor William Raffaeli. “In questo modo possiamo abbinare l’assistenza alle persone che facciamo a Lugo, con la ricerca sul dolore portata avanti dall’ISAL” riprende Virgilio Ricci.

All’iniziativa al centro commerciale Globo saranno presenti volontari dell’associazione, lo stesso dottor Ricci e personale della Fondazione ISAL. “Informeremo i cittadini sulle possibilità di cura del dolore e raccoglieremo fondi per finanziare la ricerca sul dolore e per sostenere il progetto portato avanti in Tanzania dall’ISAL insieme all’associazione Vittorio Tison di Meldola” conclude Mariagiovanna Ranieri.

Giovedì 14 alle ore 15, presso il salone estense della Rocca di Lugo, è inoltre un programma una conferenza-convegno sui tema del dolore, della ricerca e della solidarietà. Oltre a Mariagiovanna Raniere, Virgilio Ricci e a William Raffaeli, intervengono il sindaco di Lugo Raffaele Cortese, il direttore generale Sanità e Politiche sociali della Regione Emilia-Romagna Tiziano Carradori, il presidente del Gruppo salute di Confindustria Ravenna Tiziano Verlicchi, l’amministratore delegato di Villa Maria Cecilia Hospital Bruno Biagi e il direttore della Fondazione Villa Maria Livio Tronconi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: