Cittaslow

Il buon vivere, l’identità culturale, la responsabilità, il concetto di salute attiva: sono i principi che animano l’associazione Cittàslow International, pienamente condivisi da ISAL. Per questo, in una comune visione di cittadinanza attiva e sostenibile, sabato 11 aprile a Castel San Pietro Terme è stato siglato un protocollo d’intesa tra il sindaco di Pollica Stefano Pisani, presidente di Cittaslow International, e il professor William Raffaeli, presidente della Fondazione ISAL.

Cittaslow International, con oltre 200 comuni associati in 30 Paesi, s’impegna per il diritto alla salute e al benessere dei cittadini, nella lotta alle dipendenze di ogni genere e nella proposta di percorsi virtuosi per l’educazione giovanile a contrasto delle devianze. Il progetto “Città Slow – Città senza Dolore”, nato dalla collaborazione tra le due realtà, ha l’obiettivo d’identificare le condizioni di rischio presenti in città che possano generare stati di malattie dolorose croniche. Lo studio avverrà grazie alle dirette segnalazioni dei cittadini tramite un questionario online; in questo modo sarà possibile studiare azioni concrete a livello di prevenzione, informazione e cura.

 

ISAL metterà a disposizione dei cittadini dei comuni aderenti a Cittàslow il proprio numero verde al quale ci si può rivolgere gratuitamente per indicazioni sui centri di cura del dolore specializzati, fornirà consulenza e assistenza per la nascita di centri di cura per il dolore, organizzerà corsi di formazione per medici di base e personale paramedico. Verranno inoltre sperimentate nuove tecnologie e creati dei percorsi agevolati di primo intervento per i cittadini che manifestano situazioni di grave e complessa patologia. Cittaslow promuoverà le attività di ISAL, con particolare attenzione e coinvolgimento nell’appuntamento  “100 città contro il dolore ”, giornata mondiale che si svolge ogni anno nel mese di settembre / ottobre in più di 120 città in  Italia e all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: