Dolore cronico, impiantato neurostimolatore midollare wireless

Un neurostimolatore midollare wireless per la cura del dolore cronico è stato impiantato su tre pazienti, un uomo di 60 anni e due donne di 71 e 73, al Barolat Neuromodulation Institute Europe, il centro attivo presso la clinica Le Betulle di Appiano Gentile (Como). “Un semplice intervento di mezz’ora per dire addio a dolori alla schiena e alle gambe che si trascinano da anni” dicono Claudio Reverberi, Giovanni Frigerio e Rodolfo Bucci, i dottori che hanno eseguito l’intervento.

Si tratta di una vera e propria rivoluzione nel settore – spiega Frigerio, anestesista e terapista del dolore –, è una novità tecnica che semplifica ulteriormente la vita dei pazienti, riducendo il numero di interventi necessari per l’impianto del neurostimolatore e rendendo più semplici i movimenti nella vita di tutti i giorni”.

La neurostimolazione midollare, aggiungono gli esperti, “viene utilizzata con successo da oltre 40 anni per combattere il dolore cronico, ossia quei dolori che sono fortemente invalidanti per i soggetti che ne soffrono. Di solito la cura consiste in dosi sempre più massicce di farmaci, spesso senza particolare risultato e con sgradevoli effetti collaterali”.

La tecnica “senza fili”, prosegue Frigerio, “è invece poco invasiva e praticamente priva di effetti collaterali: non ci sono limiti d’età o controindicazioni. Consiste nell’innesto di un elettrodo nella zona all’origine del dolore, in modo che trasmetta degli impulsi elettrici che impediscono di sentire male”.

In precedenza, per impiantare un neurostimolatore midollare erano necessarie due sedute (una di prova e l’altra per l’impianto definitivo). Oggi, con la nuova metodica wireless ne basta una di mezz’ora, che avviene in sedazione in regime di day hospital, a cui seguono controlli periodici una o due volte l’anno.

Il passaggio a un sistema senza fili per alimentare l’elettrostimolatore presenta ulteriori vantaggi per il paziente: ”Il nuovo device viene impiantato nel midollo, nello spazio peridurale – dice Frigerio –, mentre il generatore di impulsi, dotato di batteria, non viene più collocato sottopelle ma in una cintura, che si può tenere addosso senza problema, grazie alle dimensioni ridotte”. E presto, conclude Frigerio, il generatore “probabilmente sarà collocato in un braccialetto o in una maglietta”.

16 pensieri riguardo “Dolore cronico, impiantato neurostimolatore midollare wireless

  • 13 Dicembre 2018 in 17:09
    Permalink

    Vorrei sapere informazioni! Il mio n tel. 0381/344530 e
    Cell.331/1083610

  • 19 Dicembre 2018 in 20:42
    Permalink

    ho necessità di avere informazioni sull’accesso alla innovazione tecnologica per mia moglie, di anni 77, che soffre di “FBSS ( failed back surgery syndrome – dolore post-chirurgia del rachide)” intrattabile con la terapia farmacologica. Siamo residenti in Sardegna e il centro di riferimento della Terapia del Dolore è Cagliari.

  • 5 Gennaio 2019 in 15:35
    Permalink

    Vorrei sapere se all’Ospedale di Mestre – Venezia effettuano impianti di elettrostimolazione midollare wireless e le eventuali controindicazioni. Ho 71 anni e sono stato operato due volte al rachide per stenosi del canale vertebrale (senza successo). Cammino a fatica e con molto dolore. Grazie se potete darmi informazioni in merito.

  • 15 Gennaio 2019 in 15:27
    Permalink

    Buongiorno, anch io sono interessato a questa nuova tecnologia per il mal di schiena. Vorrei ulteriori informazioni e sapere se in provincia di Savona c è qualche centro per un eventuale incontro conoscitivo. Grazie Bolognesi Serafino

  • 8 Marzo 2019 in 17:09
    Permalink

    Abito a Salsomaggiore Terme, provincia di Parma; sapete dirmi in quale ospedale della mia zona, o di zone più lontane sono applicati neorostimolatori midollari wireless. Siccome il mio dolore neoropatico cronicizzato riguarda il moncone dell’anulare della mano sinistra, sapreste darmi indicazioni per un blocco locale, per esempio nel braccio sinistro anziché midollare?
    Grazie

  • 17 Maggio 2019 in 3:22
    Permalink

    Buongiorno sono un un disabile paraplegico, con grandi dolori .io o provato questo aparechio non a funzionato, voglio sapere la causa.Grazie aspetto la vostra risposta

  • 10 Giugno 2019 in 18:30
    Permalink

    Buona sera , sono un collega anestesista volevo porti un problema riguardante ad eventuale impianto di un elettroneurostimolatore per mia sorella di anni 48 affetta da Malattia neurologica Steinert , nota come Distrofia Miotonica tipo 1 . ultimamente dolore continuo cronico agli arti inferiori . E consigliabile impiantare un elettroneurostimalatore grazie con l ‘occasione le porgo distinti saluti .
    Francesco La Gamma

  • 2 Agosto 2019 in 20:37
    Permalink

    vorrei saperne di più prego contattarmi 3477666174 graxie

  • 22 Settembre 2019 in 18:05
    Permalink

    Buongiorno sono una persona di 50 operato di ernia L5S1 da quasi quattro anni a dopo qualche mese dall’intervento o iniziato ad avere problemi prima a l’arto inferiore sx perdendo la sensibilità poi infiammazione al Elia odia da che sx ernia recitava di L5S1 a sx L5S1 dx diagnosi schiena fallita mi dicono fare stabilizzazione del lombare poi un altro ospedale mi dice di provare prima applicazione di neurostimolatore midollare quale dei due casi dovrei optare .

  • 26 Settembre 2019 in 21:02
    Permalink

    Salve, vorrei sapere se in Campania esiste un centro per l’impianto
    di elettro stimolatore , per il dolore, sono affetta da sclerosi multipla ed ho una spondilite,
    curato il dolore lombare con tutti i farmaci possibili ma senza risultato.
    Grazie per il vostro aiuto

  • 3 Ottobre 2019 in 14:36
    Permalink

    Gentile Claudio, innanzitutto grazie per averci contattato. Per avere una second opinion riguardo ai percorsi di cura, la invito a scriverci una mail a isal@fondazioneisal.it indicando la diagnosi precisa del dolore, oppure, se non le è stata fatta nessuna diagnosi precisa, ci descriva il suo dolore (sede, intensità, irradiazione ecc.) e se sono presenti altre sensazioni spiacevoli (come perdita di sensibilità, formicolii, bruciori ecc.). Ci scriva anche quali terapie ha svolto in passato, il medico che le ha prescritte e quanto sono state efficaci (ad esempio su una scala da 0 a 10). Ci indichi infine quali terapie sta facendo in questo momento, il medico che le ha prescritto e la loro efficacia. In attesa di risentirla presto, le auguriamo una buona giornata.

  • 4 Ottobre 2019 in 9:11
    Permalink

    Gentile Sig.ra Pennetti, innanzitutto grazie per averci contattato. In Campania, i centri che effettuano impianti di elettro stimolazione sono l’Azienda Ospedaliera dei Colli Monaldi e l’IRCCS Istituto Nazionale Tumori Fondazione Pascale. In alternativa possiamo suggerirle il centro di terapia del dolore del Moscati di Avellino. Per accedere a questi centri è necessario richiedere l’impegnativa per una visita di terapia del dolore al proprio medico di base, poi prenotare la prestazione al CUP della regione o della provincia in cui ha sede il centro in questione. A disposizione per ulteriori informazioni, cordiali saluti.

  • 14 Novembre 2019 in 12:02
    Permalink

    Buongiorno,
    mi chiamo Roberto e durante un intervento alla schiena nel 2015 per installarmi una piastra di sostegno ho preso uno Stafilococco Aureo. Da allora vado avanti con antidolorifici (ormai quasi del tutto inefficaci) e le mie condizioni sono andate via via peggiorando sia come deambulazione che come dolore alla schiena/gamba. Ho cercato con tutti i mezzi (fisioterapia in acqua, ginnastica posturale, terapia del dolore, ecc, ecc) di attenuare la sofferenza dovuta al costante dolore ma senza nessun risultato. Mi hanno anche riaperto per mettermi delle “zeppe distanziatrici” e subito richiuso per fragilità delle vertebre. Ho fatto una prima Terapia del dolore, con infiltrazioni, a febbraio 2019 senza alcun risultato. Ora Mi hanno proposto un “impianto neurostimolatore” da inserire chirurgicamente sotto pelle. cercando in rete ho visto che ne esiste anche un modello wireless.
    Io verrò operato al Gavazzeni di Bergamo, come è possibile che nn me l’abbiano proiposto?
    grazie

  • 15 Novembre 2019 in 19:40
    Permalink

    sono stato operato per una stenosi del canale vertebrale e- si e’, presentata una nuova stenosi – precedentemente ha subito una frattura vertebrale anch’essa stabilizzata . ho dolore a livello di L2-L3 E PARESTESIE ARTI INFERIORI – TEL 3397617800 – SON UN MEDICO

  • 26 Novembre 2019 in 11:48
    Permalink

    Siamo felici di poterle essere di aiuto. L’avere avuto un’infezione ci induce a una certa cautela nel dire che l’impianto (indipendentemente dal tipo scelto) sia per lei la scelta più adeguata in questa fase. Ci mancano alcuni dati importanti da valutare, come il tipo di dolore, a quali farmaci e dosaggi risponde con beneficio e a quali no, quali altre terapie sono state effettuate…. Il tipo di elettrodo infine va scelto in funzione di differenti parametri di cui non ci ha scritto. Se ha piacere, vista la complessità del suo caso possiamo fornirle una “Second Opinion” Gratuita con il presidente ISAL, il prof. William Raffaeli, per analizzare nel dettaglio la scelta migliore da fare. Qualora ne abbia piacere ci invii un suo recapito telefonico alla mail isal@fondazioneisal.it in cui poterla chiamare il prossimo lunedì dopo le 12.00.

  • 30 Aprile 2020 in 17:10
    Permalink

    Salve mia chiamo Mia. È da un anno che soffro con un’ ernia del disco che ha compresso il nervo sciatico. Purtroppo nel 2014 sono stata operata per un tumore al cervello. Fortunatamente ad oggi la malattia è stabile. Ho consultato vari neurochirurghi ma nessuno mi ha operata. Sono stata al Bellaria per la terapia del dolore la dottoressa mi ha detto che questo è un dolore neuropatico e devo prendere solo il lyrica , escludendo l’ intervento. Con tutti i farmaci io sto malissimo. Mi tira tutto il nervo,fino al piede il dolore non si placa. Le chiedevo se nel mio caso sarebbe utile questo trattamento? Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: