Il centro Abruzzo fa scacco matto al dolore

Dall’incontro per diffondere la cultura della cura e della ricerca tra le giovani generazioni, alla consegna di un importante riconoscimento per l’impegno scientifico contro il dolore. Sono due gli appuntamenti organizzati sabato 23 novembre in centro Abruzzo, che hanno visti protagonisti la Fondazione ISAL e il professor William Raffaeli.

Si è iniziato alla 10.30 al liceo scientifico Enrico Fermi di Sulmona con “Scacco matto al dolore: le nuove frontiere della scienza e la sofferenza nel mondo”. A confrontarsi con gli studenti, insieme a William Raffaeli ci sono stati il dirigente scolastico Massimo Di Paolo, il coordinatore regionale dell’ISAL Gianvincenzo D’Andrea e anche Franz Di Cioccio, il batterista e cantante dello storico gruppo rock progressive Premiata Forneria Marconi, oltre che uno dei suoi fondatori.

“Il dolore è un problema tanto diffuso quanto poco conosciuto e trattato inadeguatamente” dice Gianvincenzo D’Andrea, che insieme al preside Di Paolo è l’organizzatore dell’incontro. “Abbiamo cercato di trasferire ai giovani una conoscenza quanto più precisa e puntuale sulle possibilità di cura e sui principi sanciti dalla legge 38/2010 che regola l’accesso alle terapie, ma abbiamo parlato anche di solidarietà e dell’impegno che serve nella ricerca scientifica per raggiungere risultati inaspettati”.

“Il liceo Fermi con tutto il polo scientifico-tecnologico ha abbracciato la filosofia della scuola aperta ed è diventato un centro culturale per tutta la comunità – spiega il professor Di Paolo –. Questo incontro con il dolore è stato molto importante per gli studenti perché ha fatto collimare le materie di studio con la realtà della ricerca e unisce risvolti etici e umanistici con quegli aspetti scientifici, affini ai tanti che poi entreranno nelle facoltà di Medicina”.

La presenza di Di Cioccio, che è abruzzese doc della vicina Pratola Peligna, ha aiutato a toccare le corde giuste. “È una persona molto sensibile e disponibile, da anni è impegnato a fianco di associazioni di volontariato – continua D’Andrea –. Con il suo linguaggio ha avuto un effetto di trascinamento verso gli studenti”.

Nel pomeriggio ci si è spostati al teatro comunale di Pratola Peligna, dove si è svolta la cerimonia della seconda edizione del premio nazionale Pratola, organizzato dall’associazione culturale Futile-Utile con il patrocinio della presidenza del Consiglio regionale e del Comune per dare un segno di riconoscimento alle personalità che si sono distinte in vari campi del sapere.

Al professor William Raffaeli è andato il premio per la ricerca scientifica, quello per il giornalismo a Riccardo Cucchi, responsabile dei servizi sportivi di Radio 1 Rai, per la musica al sassofonista e docente al conservatorio di Pescara Gaetano Di Bacco e per lo spettacolo al comico sulmonese  Gabriele Cirilli. Premi speciali a Franz Di Cioccio, al sindaco di Lanciano Mario Pupillo e allo chef Nicola Ranieri.

Guarda il servizio di Onda Tg con l’intervista a Franz Di Cioccio

Guarda le interviste di Onda Tg a Gianvincenzo D’Andrea e a Massimo Di Paolo

Guarda la puntata della trasmissione Diario di Bordo con ospite Gianvincenzo D’Andrea

Guarda la fotogallery su Flickr dell’incontro con gli studenti

Guarda la fotogallery su Flickr della consegna del premio nazionale Pratola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: