Michele Zambelli e Fondazione ISAL: “Con l’impegno ogni traguardo e’ raggiungibile”

Michele Zambelli, il più giovane skipper italiano ad aver terminato la Mini Transat, ha scelto di legare il suo nome alla cura e alla ricerca sul dolore cronico. A bordo della sua nuova imbarcazione, la Fontanot ITA 788 con cui si è appena aggiudicato il Gran premio d’Italia Mini 6.50, ci sarà il marchio della Fondazione ISAL a fianco degli sponsor Enzo Fontanot e Cassa dei Risparmi di Forlì e della Romagna. “Ho voluto appoggiare un progetto così importante, che conosco da tempo – dice il velista, nato a Forlì il 13 giugno 1990 –. Il logo dell’ISAL sarà collocato in un punto ben visibile sia durante la navigazione sia quando la barca è ormeggiata in porto”.

Michele Zambelli ha scoperto verso i 12 anni il suo amore per il mare. “È nato quasi per caso– racconta –. Ho fatto regate in diverse classi, ma poi è stata più forte la voglia di scoprire cosa ci fosse dall’altra parte dell’orizzonte”. Passato dalle coste romagnole a quelle del Giro d’Italia a vela, nel 2009 ha seguito su un’imbarcazione d’appoggio la Mini Transat, la storica regata atlantica. Nel 2011 e nel 2012 si è aggiudicato il titolo di campione italiano classe Mini 6.50. Nel 2013, il ritorno alla Mini Transat, ma questa volta in gara, dove si è classificato al decimo posto.

Siamo partiti in 84 e arrivati in 50” racconta. Per attraversare le 4000 miglia che separano Sada, in Spagna, da Guadalupe, ha impiegato 24 giorni, 20 ore, 10 minuti e 5 secondi esatti. Ha navigato 24 ore su 24 su una barca di appena 6 metri e mezzo, ma con una superficie velica di un’imbarcazione lunga il doppio: come affrontare l’Atlantico su un guscio di noce. “Il 6.50 è una barca bassissima, leggerissima e velocissima – continua –. Alla Transat prendi schizzi d’acqua in faccia tutto il tempo, dormendo giusto 20 minuti ogni ora sulle vele bagnate”.

Alle 5:55 dello scorso 8 dicembre lo skipper ha finalmente tagliato la linea d’arrivo. “È stato il compimento di un sogno costato fatica e sacrifici”. Un sogno che ora continua. La sfida, infatti, è gareggiare alla Mini Transat del 2015. Ma prima di arrivarci ci sono le tante regate da affrontare tra Italia e Francia per centrare le qualificazioni e per prendere confidenza con la nuova Fontanot 788, un prototipo di ultima generazione. “Ma siamo partiti alla grande con un secondo posto alla Lorient Bretagne Sud”.

I prossimi impegni di Michele Zambelli sono la Transtyrrehnium (11-21 maggio) e la Les Sables-Les Açores-Le Sables (22 luglio), una regata talmente rinomata da essere considerata, per prestigio e difficoltà, seconda solo alla Transat. “Nel mio piccolo so che cos’è il dolore, la vita a bordo è dura e fatta di rinunce e sacrifici – aggiunge –. Nelle lunghe ore in solitaria ho avuto modo di pensare a chi soffre e anche questo mi ha fatto avvicinare all’ISAL”. Navigando, però, il velista ha imparato soprattutto una cosa: “Con determinazione, coraggio e impegno ogni traguardo può essere raggiunto”. Un messaggio che anche l’ISAL fa suo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: