Oppioidi: cresce il consumo nel sud Europa, ma l’Italia resta indietro

Cresce il consumo di farmaci oppioidi per la terapia del dolore nel sud Europa, ma l’Italia continua a essere indietro. A evidenziarlo, durante il World Medicine Park che si è da poco chiuso a Minorca, due aziende farmaceutiche fra le più importanti del settore, Grünenthal e Mundipharma, rappresentate – in una tavola rotonda sulle attuali prescrizioni farmacologiche – dai due regional manager per il Sud Europa: Thilo Stadler, che ha illustrato i dati di mercato relativi all’Europa, e Marco Filippini, che ha presentato quelli relativi all’Italia.

In merito ai trend illustrati da Thilo Stadler di Grünenthal, considerando i giorni di trattamento per paziente all’anno (Ptds, Patient treatment days) si evince una lenta, ma costante crescita dell’appropriatezza terapeutica nel sud del Vecchio continente. Nel periodo 2009-2013, Italia, Francia, Spagna e Portogallo hanno registrato nel complesso un aumento dei consumi di oppioidi forti (considerati “gold standard” per il trattamento del dolore moderato-severo) pari al 15%, contro il +8% dei Paesi del nord Europa, dove l’impiego di questi farmaci resta più elevato.

Nel dettaglio, al primo posto si colloca la Danimarca (9,1 Ptds), seguita da Regno Unito (8,1) e Svezia (5,8). In fondo alla classifica, Spagna (2,4 Ptds), Francia (2), Italia (1,3), fanalino di coda con il Portogallo (0,5). Nel 2013 il mercato degli oppioidi forti si è attestato a 1,8 miliardi di euro, segnando un +10% per il sud Europa, contro un +3% per il nord.

Dall’intervento di Marco Filippini di Mundipharma è inoltre emerso come in Italia si sia verificato un modesto miglioramento dell’appropriatezza prescrittiva in ambito dolore, benché gli antinfiammatori restino ancora in assoluto i farmaci da automedicazione più acquistati. Nel 2013 la spesa per gli oppiacei è stata infatti inferiore di quattro volte rispetto ai Fans. Non solo: il consumo pro capite di oppioidi in Italia è pari a 1,6 euro, In Europa è di quasi 5 euro, In Germania sale a 9,68 euro.

Al World Medicine Park hanno partecipato oltre 1.200 i delegati di diversi Paesi europei al convegno, tra cui terapisti del dolore, oncologi, palliativisti, ortopedici e pediatri. Presente anche il professor William Raffaeli, presidente della Fondazione ISAL. Per il professor Guido Fanelli, direttore della struttura di terapia antalgica all’Azienda ospedaliero-universitaria di Parma, “è emersa la necessità di migliorare in tutta Europa l’educazione dei pazienti, che non devono più temere i farmaci oppioidi, ma anche la formazione dei clinici, affinché impostino le cure più appropriate”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: