Ricerca sul dolore, il premio Bellinghieri a due team siciliani

Due gruppi impegnati nella ricerca sul dolore acuto e cronico sono i vincitori del primo memorial Filippo Bellinghieri, il premio dedicato al direttore del reparto di Anestesia e terapia del dolore dell’Ospedale di Taormina prematuramente scomparso lo scorso settembre, grande amico della Fondazione ISAL e del presidente William Raffaeli.

Il premio, conferito dalla sezione siciliana dell’associazione anestesisti e rianimatori Aaroi-Emac, è stato assegnato a pari merito al team composto dal dottor Giacomo Filoni, dalla dottoressa Maria Antonietta Venia e dal dottor Antonino Genovese del presidio ospedaliero di Taormina e al dipartimento siciliano dell’Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna diretto dal dottor Cesare Faldini.

Abbiamo assegnato questo premio –dice Emanuele Scarpuzza, presidente di Aaroi-Emac Sicilia e ideatore del memorial – a due gruppi di anestesisti rianimatori che, siamo certi, già svolgono e continueranno a svolgere la loro attività con lo stesso impegno e la stessa passione di Bellinghieri”.

Il memorial ha come obiettivo la promozione del lavoro di ricerca svolto da medici anestesisti rianimatori sul tema del dolore acuto e cronico, un problema che ha ripercussioni anche sul piano sociale e interessa milioni di persone nel mondo. Per i premiati è prevista l’assegnazione di un riconoscimento in denaro pari a 2.500 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

17 + due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.