Vanni Caruso, ricercatore e borsista ISAL, vince il primo premio del progetto YAP nella categoria “biologi”

Vanni Caruso, borsista della fondazione ISAL e ricercatore al dipartimento di Neuroscienze dell’Uppsala University (Svezia), ha vinto il primo premio nella categoria “biologi” del progetto YAP (Young Against Pain), un’iniziativa lanciata dall’Università di Parma e da SIMPAR (Study in Multidisciplinary PAin Research), con il sostegno dell’azienda farmaceutica Grünenthal, allo scopo di supportare 30 giovani ricercatori di base e medici specialisti italiani coinvolti in progetti di studio riguardanti la terapia del dolore acuto e cronico. Vanni è stato premiato in occasione del convegno SIMPAR, che si è svolto a Roma il 27 e 28 marzo, per la sua ricerca di base tesa ad analizzare in che modo un recettore specifico, localizzato a livello del midollo spinale, possa essere attivato e modulato nelle sindromi dolorose croniche. 

Questo studio potrebbe aiutare a comprendere meglio i meccanismi fisiopatologici del dolore cronico, e al contempo a individuare nuovi bersagli sensoriali per terapie più efficaci. Per la categoria “medici anestesisti” si è aggiudicata il primo posto Sara Tigano dell’Azienda Ospedaliera Sant’Andrea di Roma, con una ricerca che mira a verificare se il magnesio, somministrato per via subaracnoidea, possa aiutare a controllare il dolore cronico; vincitrice della categoria “medici non anestesisti” è Silvana Montella dell’Università di Napoli, con una proposta di studio per caratterizzare i predittori genetici in grado di suggerire la terapia ottimale dei pazienti con emicrania. “Questo premio è molto importante, in primo luogo perché offre la possibilità di relazionarsi con altre modalità di studio e differenti approcci: la ricerca ha successo quando si crea interdisciplinarità”, racconta Vanni. “Entrando in contatto con gli altri studiosi coinvolti dallo YAP, ho integrato i miei studi con le ricerche a livello italiano, con le quali avevo perso i contatti vivendo e lavorando all’estero”. Di rientro in Svezia, il ricercatore si dedicherà ai progetti a cui lavora da tempo, tra i quali quello recentemente premiato.

“Il gene che sto studiando – chiarisce – codifica per una proteina di membrana chiamata SLC18A4, la cui funzione è tuttora sconosciuta. Questa proteina è altamente affine per il trasporto di glutammato, amminoacido di fondamentale rilevanza nella plasticità sinaptica e nella trasmissione dello stimolo nervoso e nella modulazione dello stimolo doloroso. Abbiamo creato dei knockout mouse models in cui il gene è stato deleto nel cervello e poi nel midollo spinale in modo da caratterizzarne la funzione fisiologica. Dai primi risultati, si pensa a una implicazione del gene nella memoria, nei meccanismi di dipendenza e ad un coinvolgimento nella trasmissione dello stimolo doloroso a livello degli interneuroni del midollo spinale”.

Un cervello in fuga? “In realtà in Italia si fa dell’ottima ricerca, spesso ci sottovalutiamo da soli”, dice lo studioso. “Personalmente, ora ci tengo a portare avanti i progetti che ho iniziato all’Università di Uppsala”. Il suo rapporto con ISAL risale all’anno scorso, ed ha avuto inizio grazie a una borsa di studio della Fondazione che ha contribuito a finanziare la sua ricerca: un investimento per il futuro che, visti i risultati ottenuti da Vanni Caruso, ha già dimostrato la sua importanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: